Proteggi la tua ditta individuale Proteggi la tua ditta individuale
Giovedì, 09 Luglio 2020

Proteggere la tua ditta individuale oggi è fondamentale

La ditta individuale è conosciuta anche con l’espressione “impresa individuale” e si tratta di una società personale, cioè amministrata e anche composta da una sola persona, che è nello stesso tempo unico socio e anche unico titolare ditta individuale.

Si tratta della forma giuridica di società più semplice che esista e per poterne realizzare una, occorre aprire una partita IVA. Oltre a questo, di solito decidono di aprire un’attività individuale tutti coloro che fanno parte di alcune categorie particolari, come ad esempio artigiani, commercianti, ma anche professionisti come commercialisti, consulenti di qualsiasi ambito, massaggiatori. È ovvio inoltre che il rischio ricadrà sempre sull’unico membro della società, soprattutto nel caso si avessero dei debiti. Oltre a questo, c’è anche da dire che durante il periodo dettato dall’emergenza Coronavirus, sono stati proprio i piccoli imprenditori a risentire parecchio della crisi economica, che tra l’altro è ancora in atto.

Da parte del Governo italiano però sono state stabilite alcune agevolazioni che aiutassero proprio i titolati delle ditte individuali ad ottenere somme di denaro durante il periodo del lockdown. Al concetto di impresa personale però è bene anche collegare quello di protezione: proprio perché l’unico socio è anche il titolare, quest’ultimo dovrà prestare particolare attenzione a tutti i suoi movimenti e se sbaglia qualcosa, dovrà risponderne di persona. Per poter evitare problemi e per potersi proteggere al meglio, può essere molto utile un’assicurazione, soprattutto se quest’ultima prevede una tutela legale. Può capitare infatti che si verifichino delle controversie con dei clienti e una polizza assicurativa del genere potrebbe comportare numerosi vantaggi.


Cos’è una ditta individuale

Quando si parla di “ditta individuale”, ci si riferisce ad un’impresa personale, composta cioè da un unico socio, che in realtà è anche il proprietario e amministratore unico della società. Prima di tutto, per capire bene di che cosa si tratti esattamente, si può parlare di capitali: per poter aprire un’attività individuale, non occorre mostrare di possedere un fondo per poter iniziare ad investire o comunque un utile per poter avviare l’impresa. Piuttosto, basterà aprire partita IVA. Già da questo si può capire come tale forma di impresa sia una delle più semplici che esistono nel campo del diritto.

Quando si parla di titolari di ditta individuale, si intende indicare un artigiano, un commerciante, ma non solo i lavoratori che fanno parte di queste categorie. Può iniziare un tipo di società del genere anche un consulente finanziario oppure una persona che lavora nell’ambito del marketing, o un copywriter freelance, o professionisti come avvocati, commercialisti, giornalisti. Le categorie da poter elencare sono diverse e nonostante si tratti di una forma giuridica semplice, questo non significa che sia facile amministrare la ditta individuale. Occorre infatti fare attenzione a non incorrere in debiti e soprattutto cercare di avere un numero alto di introiti, al fine di poter avere un certo guadagno. Tutti gli argomenti appena indicati però non sono gli unici che riguardano la ditta individuale.


Società individuale: i problemi provocati dal Coronavirus

A risentire della crisi provocata dal Coronavirus sono stati in primis proprio i lavoratori che possiedono ditte individuali, anche perché si sono visti azzerare i guadagni o comunque hanno visto una loro pesante diminuzione, soprattutto proprio durante i mesi del lockdown. Tale calo è stato provocato dal fatto che molti titolari di imprese personali sono stati costretti a tener chiuso il loro ufficio, dato che era vietata qualsiasi tipo di attività che potesse determinare assembramenti. Non tutti infatti hanno potuto lavorare in modalità “smart working”, cioè online, e quindi in tanti non hanno percepito entrate. Per ora la situazione sta migliorando, anche perché si sta piano piano tornando alle abitudini quotidiane e soprattutto la fase 2 ha garantito numerose riaperture. Nonostante questo, in molti ancora aspettando di ricevere le agevolazioni e gli aiuti che il Governo italiano aveva stabilito per i mesi di marzo e aprile 2020.


Azienda individuale: le agevolazioni previste dal Governo

Il Governo italiano ha stabilito degli aiuti economici per tutti quei lavoratori che possiedono una ditta individuale. Si veda ad esempio la somma dei 600 euro che i titolari di partita IVA hanno potuto richiedere tramite il sito dell’INPS, durante il mese di marzo 2020 e che è anche stata prorogata per aprile 2020. Il problema però è che non tutte le ditte personali hanno potuto ricevere tale denaro, anche perché tale “bonus”, come è stato chiamato, poteva valere solo per coloro che avevano aperto partita IVA prima del 23 febbraio 2020, data in cui è stato dichiarato lo stato di emergenza in Italia per il Coronavirus. I problemi relativi alla ditta individuale sono stati quindi numerosi, soprattutto durante il periodo del lockdown, anche perché in molti non hanno ancora ricevuto il bonus, a causa dei ritardi che l’INPS ha avuto nella gestione delle domande. Questo ovviamente ha comportato degli svantaggi per i titolari, ed è per questo che sarebbe sempre meglio proteggere la propria impresa con opportuni metodi.


Impresa personale: come proteggerla

Per proteggere la propria impresa personale e non incorrere nel rischio di vere delle controversie legali, una buona soluzione può essere quella di stipulare una polizza assicurativa che possa garantire protezione per eventuali problematiche collegate a smaltimento rifiuti oppure che rientrano nel rispetto delle norme igieniche alimentari, o che riguardano controversie di famiglia o di qualsiasi altro genere.

In questo modo non solo si avrà un risparmio per le spese legali, ma anche la possibilità di avere sempre a portata di mano una consulenza legale valida.


Ditta individuale: una particolare assicurazione

Tra i tanti tipi di assicurazione che possono essere scelte per la propria ditta individuale, quella di UnipolSai è particolare e offre numerosi vantaggi. Il nome specifico è “UnipolSai Tutela Legale” e mira a mantenere e difendere i diritti del titolare dell’impresa personale, nel momento in cui altre persone cercano di violarli e non li rispettano.

Può capitare infatti che ci si trovi in una situazione in cui un cliente non paga e quindi serve ricorrere ad un servizio di recupero crediti, oppure si litiga con un familiare che magari era un proprio cliente, o si viene accusati di aver provocato danni ambientali per lo smaltimento rifiuti, o di non aver seguito norme igienico-sanitarie per il settore alimentare. Tutti questi problemi possono essere affrontati dal punto di vista legale, proprio con il tipo di polizza assicurativa “Tutela Legale”, che mette a disposizione del cliente anche una consulenza specializzata. Come si è visto, può non essere semplice mantenere una ditta individuale, anche perché possono capitare diversi problemi economici o situazioni difficili da affrontare, ma se ci si protegge con le giuste polizze, si possono avere diversi vantaggi.