Truffe assicurative, ecco come difendersi e proteggersi - AssiAdriatica - Agenzia UnipolSai
Truffe assicurative - IVASS Truffe assicurative - IVASS
Venerdì, 15 Settembre 2023

Truffe assicurative, ecco come difendersi e proteggersi

Il fenomeno delle truffe e delle frodi interessa un po’ trasversalmente tutti i settori, ma il comparto delle polizze assicurative, specialmente quello delle assicurazioni auto, è uno di quelle dove i pericoli sono più frequenti.

Solo nell’ultimo anno (dati 2022) la Polizia di Stato riferisce una vera e propria esplosione di truffe online a danno di tanti cittadini che, nel tentativo di risparmiare, vengono in realtà truffati.

Truffe assicurative che al danno (il pagamento di una polizza inesistente) uniscono la beffa di rimanere privi della relativa copertura ed essere per questo motivo soggetti a sanzioni da parte delle autorità competenti e ritrovarsi sprovvisti della necessaria tutela in caso di sinistri.

Nel 2022, infatti, le truffe assicurative sono state superiori alle 15000, con un giro d’affari di oltre 115 milioni di euro indebitamente sottratti. Rispetto al 2021 c’è stato un significativo aumento del 58% delle truffe online a conferma di un fenomeno difficile da estirpare e che quotidianamente continua a mietere vittime.

Ecco perché si rivela sempre fondamentale mantenere alta l’attenzione, soprattutto sulle truffe online più diffuse in modo da saperle riconoscerle, evitarle e segnalarle per impedire che altri subiscano il relativo danno, non solo di natura economica.

Le truffe assicurative sono di vario genere e vanno da quelle condotte nei confronti delle compagnie assicurative (denunce di sinistri mai avvenuti, falsi testimoni, aggravamento delle proprie condizioni di salute, eccetera) a quelle di finte compagnie che propongono polizze che, in realtà, non verranno mai registrate.

Questo avviene comunemente online dove è più semplice fingersi un broker assicurativo o millantare crediti che in realtà non si hanno. Sono in tanti che regolarmente a ridosso della scadenza dell’RCA si rivolgono a portali online che millantano polizze convenienti che in realtà non solo convenienti non sono, ma non sono proprio neanche delle polizze assicurative. Questo perché le polizze assicurative di qualsiasi tipo (non solo quelle delle automobili) possono essere rilasciate o da agenzie dirette o da broker, intermediari autorizzati che, dietro pagamento della polizza ottengono il certificato relativo all’avvenuta copertura.

Il fenomeno è reale e molto più vicino di quanto si possa immaginare (i dati sono piuttosto eloquenti); si rivela quindi indispensabile il puntare sulla prevenzione individuando cosa si possa fare per difendersi dalle truffe assicurative.


Truffe online cosa fare

Esistono diversi accorgimenti da adottare prima di sottoscrivere una polizza assicurativa che possono evitare di cadere nella trappola delle truffe assicurative. Va precisato fin da subito che sebbene la responsabilità (anche penale) di chi commette una truffa è del truffatore questo non esenta il soggetto che l’ha subita dalla responsabilità di non aver sottoscritto una polizza auto valida, così come previsto dalla legge. L’attenzione, quindi, deve essere sempre elevata.

Un primo consiglio su cosa fare per evitare le truffe assicurative riguarda l’attenzione al mondo del digitale. Non si tratta di demonizzare una realtà che ha portato enormi (e irrinunciabili) vantaggi a tutte le sfere della vita (anche al settore assicurativo), ma di essere consapevoli dei rischi che qui, più che altrove, si possono trovare. Nel relativo vademecum elaborato dall’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni (IVASS), infatti, si fa presente come la navigazione sul web consenta l’accesso a un vasto numero di offerte la cui convenienza è tutta da valutare.

Non solo nel doveroso confronto tra diverse polizze e compagnie assicurative, ma soprattutto verso i fenomeni del “Ghost Broking” (mediazione fantasma) e del “Ghost Insurance” (assicurazione fantasma) per cui le polizze sottoscritte sono sostanzialmente inesistenti e il pagamento effettuato non costituisce alcuna garanzia.

Le polizze assicurative, infatti, possono essere rilasciate solamente da realtà che sono regolarmente iscritti all’albo dell’IVASS consultabile direttamente sul sito ufficiale e da intermediari iscritti regolarmente al Registro Unico degli Intermediari (RUI). In caso di dubbi, quindi, si può verificare l’esistenza di quell’assicuratore e la sua legittimità a vendere (e quindi rilasciare) un certificato di assicurazione valido. Anche per questo motivo ha i suoi vantaggi fare riferimento a un’agenzia territoriale nella quale vi è il rapporto diretto con un consulente e la garanzia di un assicuratore autorizzato.

Parallelamente è fondamentale diffidare tanto dalle offerte estremamente economiche tanto da quelle proposte con una certa aggressività. Quando il presunto assicuratore chiede di utilizzare metodi di pagamento non tracciabili o pretende un contatto esclusivamente tramite mezzi di messaggistica veloce, c’è evidentemente qualcosa che non va.

Il buon senso è d’obbligo e in presenza di un’offerta che non convince ci si può recare sempre sul sito ufficiale dell’IVASS che tra i suoi strumenti, in collaborazione con il Ministero delle Imprese e del Made in Italy, consente di effettuare un confronto sulle principali condizioni contrattuali delle polizze assicurative e verificare se quella che si sta valutando è in linea o evidentemente fuori mercato e, quindi, che nasconde delle criticità.

Un altro metodo è quello di cercare sul web il nome della polizza e della compagnia assicurativa. Se questa non esiste o ci sono denunce di truffe assicurative è un segnale chiaro di una realtà da evitare assolutamente.


Il decalogo dell’IVASS

Nel vademecum sulle truffe assicurative l’IVASS riporta un elenco di 10 campanelli d’allarme da monitorare per individuare tempestivamente un tentativo di frode:

  1. Assenza dei dati identificativi dell’impresa/intermediario sul sito web di riferimento;
  2. Assenza dell’indicazione che il soggetto che distribuisce la polizza è soggetto ai controlli dell’IVAS;
  3. Richiesta di pagamento tramite carte prepagate;
  4. Prezzo estremamente conveniente;
  5. Dominio del sito web ha caratteristiche strane;
  6. Presenza di contatti generici (come indirizzi email anomali) o solo numeri di cellulare;
  7. Dati identificativi non coerenti con quelli riportati negli albi dell’IVASS;
  8. In fase di proposta e sottoscrizione della polizza non vengono richiesti dati essenziali per la valutazione del rischio;
  9. L’indirizzo web del sito inizia con http e non con https;
  10. Richiesta e invio documenti esclusivamente tramite social e app di messaggistica telefonica.

Oltre alle verifiche preliminari è possibile effettuare un controllo a posteriori sfruttando il servizio messo a disposizione dal Portale dell’Automobilista. Nella sezione dei Servizi On Line vi è un’apposita voce Verifica copertura RC Auto grazie alla quale, inserendo la targa del proprio mezzo, si può sapere in tempo reale se la copertura è reale. Consulta anche l'articolo "IVASS segnala siti internet irregolari che offrono assicurazioni".

Sottoscrivere una polizza sul sito ufficiale della compagnia o presso un’agenzia convenzionata offre tutte le garanzie in tutte le fasi di valutazione e sottoscrizione della polizza. La trasparenza è uno degli elementi chiave per difendersi dalle truffe assicurative e in questo senso UnipolSai nella sua RCA UnipolSai Km&Servizi, consente, tramite l’applicazione mobile dedicata di verificare la validità della copertura e accedere a tutti i servizi dedicati (apertura sinistro, gestione di eventuali dispositivi satellitari, attivazione del soccorso stradale, eccetera).

AssiAdriatica Srl

RUI A000426922 del 20/09/2012
Intermediario soggetto al controllo dell’IVASS
Consulta il Registro RUI al seguente link
Agenzia Generale UnipolSai Ancona
Via Mamiani Terenzio 4
60125 Ancona (AN)
Tel.: 071 205168 - Fax: 071 202938
02518@unipolsai.it
Pec: assiadriaticasrl@legalmail.it
P.iva: 02560640423

UnipolSai Assicurazioni S.p.A

Via Stalingrado, 45
40128 Bologna (Italia)
C.F. 00818570012 e P.IVA 03740811207
www.unipolsai.it
Informativa e Politica Sostenibilità Finanziaria

Europ Assistance Italia S.p.A.

Via del Mulino, 4
20057 Assago (MI)
P.IVA 01333550323
www.europassistance.it